IvanaBongiolo.it

“… Di tanto in tanto nel suo ripercorrere, con le esili zampette, l’intero percorso di quei tratti raffinati in perfetta armonia con la magia del luogo, il suo sguardo sincero si spostava dal pozzo per posarsi sul mio viso al di là del vetro …”

IvanaBongiolo.it

“… Di tanto in tanto nel suo ripercorrere, con le esili zampette, l’intero percorso di quei tratti raffinati in perfetta armonia con la magia del luogo, il suo sguardo sincero si spostava dal pozzo per posarsi sul mio viso al di là del vetro …”

Ho sempre trovato i curricula estremamente noiosi, anche le presentazioni alla voce Chi sono/Chi siamo, altrimenti intitolata About me, non sono da meno. Trovo che siano un po’ tutte uguali e di fatto non presentino fino in fondo la persona o l’azienda. Ovvio, esistono anche le eccezioni!

Amando la coerenza e non volendo tradire le mie convinzioni, ho deciso di chiamare Patrizia Pietribiasi, una giovane autrice che stimo molto e con la quale ho avuto il piacere di lavorare qualche tempo fa.

Le ho chiesto di scrivere per me un breve racconto con l’unica regola di utilizzare alcune delle parole che rappresentano la mia linea guida nel lavoro, ma anche nella mia vita in generale. Le mie parole chiave.

Il titolo è mio, un affettuoso cenno ad un periodo felice.

Spero vi piacerà e spero vi piaceranno anche le mie parole, magari saremo riuscite a raccontarvi un po’ di me. Buona lettura!

L’uccello nero dal becco giallo

Mi avvicinai alla finestra e vidi che il mio giovane amico era tornato. Saltellava qua e là per il giardino, il becco immerso nel soffice abbraccio dei fili d’erba, le piume spettinate dal vento che soffiava lento in direzione del vecchio pozzo. Erano passate ormai due settimane dal nostro primo incontro, da quando quel suo elegante battito di ali lo aveva condotto fino al cuore della villa, eppure la sua ostinata riservatezza dimostrava che non si era ancora abituato alla mia presenza.
Ciò che più lo interessava era quel pozzo, passava le sue giornate a imbastire curiose danze lungo le sinuosità del massiccio bordo nella costante ricerca di sollevare un coperchio e rivelare un segreto lungo più di trecento anni. Sembrava affascinato da ciò che avrebbe potuto celarsi al di sotto, al riparo di quel prezioso stemma disegnato nel ferro con una cura estrema e un ineguagliabile e artistico buon gusto. Di tanto in tanto nel suo ripercorrere, con le esili zampette, l’intero percorso di quei tratti raffinati in perfetta armonia con la magia del luogo, il suo sguardo sincero si spostava dal pozzo per posarsi sul mio viso al di là del vetro.

 

Ciò che più lo interessava era quel pozzo, passava le sue giornate a imbastire curiose danze lungo le sinuosità del massiccio bordo nella costante ricerca di sollevare un coperchio e rivelare un segreto lungo più di trecento anni. Sembrava affascinato da ciò che avrebbe potuto celarsi al di sotto, al riparo di quel prezioso stemma disegnato nel ferro con una cura estrema e un ineguagliabile e artistico buon gusto. Di tanto in tanto nel suo ripercorrere, con le esili zampette, l’intero percorso di quei tratti raffinati in perfetta armonia con la magia del luogo, il suo sguardo sincero si spostava dal pozzo per posarsi sul mio viso al di là del vetro.
Si sentiva osservato ma non osava avvicinarsi. Allora io lo lasciavo fare, fingevo di occuparmi di altro mentre in realtà lo spiavo con garbo nascosta dal drappeggio di una tenda. Sentivo il vibrare del suo petto, l’affanno del suo respiro, l’esplodere della sua fatica messa a dura prova, appena qualche giorno più tardi, dalla pervicacia della pioggia mentre lo vidi adoperarsi con grazia e fermezza per rendere il suo nuovo nido perfetto, semplice quanto straordinariamente accogliente e funzionale. Aveva curato ogni dettaglio, cercato e ricercato il luogo e i materiali migliori per restare lì dove il caso, o forse più un’intuizione, lo aveva scortato.
Mosso da una passione vibrante era riuscito a dar vita all’esclusività del suo mondo, a un’oasi di piacere e di pace che in poco tempo aveva suscitato l’attenzione e sollevato le invidie di chi, come lui, sognava di arrivare sempre più in alto. E quando poi, un giorno qualunque, mi armai di coraggio e con riserbo lo liberai dal poderoso coperchio, un rumore stridente lo fece dapprima sobbalzare e poi planare a tutto becco nel silenzio profondo del suo mistero. Guardai in basso e due sfere diafane dal contorno celeste bucarono il buio per colpirmi violente in pieno petto, allora indugiai ma subito dopo capii di essermi finalmente guadagnata il suo rispetto.
Mosso da una passione vibrante era riuscito a dar vita all’esclusività del suo mondo, a un’oasi di piacere e di pace che in poco tempo aveva suscitato l’attenzione e sollevato le invidie di chi, come lui, sognava di arrivare sempre più in alto. E quando poi, un giorno qualunque, mi armai di coraggio e con riserbo lo liberai dal poderoso coperchio, un rumore stridente lo fece dapprima sobbalzare e poi planare a tutto becco nel silenzio profondo del suo mistero. Guardai in basso e due sfere diafane dal contorno celeste bucarono il buio per colpirmi violente in pieno petto, allora indugiai ma subito dopo capii di essermi finalmente guadagnata il suo rispetto.

Il mio Blog

Vale di più la palla ovale o il campo verde?

Vale di più la palla ovale o il campo verde?

L’esperienza professionale in ambito sportivo mi ha fatto scoprire un mondo con potenzialità immense ma con una visione piuttosto ristretta quando si parla di marketing. Di recente sono stata in una delle due strutture del Rugby Vicenza, una Società alla quale sono...

leggi tutto
Raccontare il nulla

Raccontare il nulla

Capita a volte che le aziende non riescano ad individuare dove sta realmente la loro forza, forse perché distratte dagli argomenti più scontati. Alcuni anni fa feci un viaggio in Mongolia, una esperienza tra le più belle della mia vita. Quando ne parlo mi sento sempre...

leggi tutto

Ivana Bongiolo

Mi occupo di consulenza marketing, lo faccio da molti anni e raccontare esattamente il mio percorso professionale lungo circa trent’anni è complicato. Tante cose, difficili da riassumere in poche righe.

Tanti anni e tanta esperienza mi hanno portato a specializzarmi in quella fase che viene prima di qualsiasi attività di marketing: la relazione con la persona, l’analisi dell’unicità del cliente con i suoi punti di forza e di debolezza, la definizione di una immagine coerente e l’individuazione delle azioni conseguenti.

Posso dire di avere operato in vari settori lavorando per terzi ma anche a progetti propri. Arte, editoria, abbigliamento, casalinghi, arredamento, sport, GDO, estetica, sociale sono solo alcuni dei mondi che ho conosciuto.

Questa diversificazione mi permette di portare le mie esperienze in modo trasversale, creando iniziative inusuali che permettono al cliente di differenziarsi.                                                                        Credo molto nelle sinergie e per questo metto a disposizione le mie relazioni, oltre che le mie esperienze.

Ma tutto ciò, io credo, dice poco.
Un incontro, una chiacchierata, ci aiuterebbero molto di più a conoscerci e a valutare la possibilità o meno di collaborare.

Email

bongiolo@ivanabongiolo.it

Email

bongiolo@ivanabongiolo.it

Telefono

+39 349 6886131

Telefono

+39 349 6886131

Linkedin

Ivana Bongiolo

Linkedin

Ivana Bongiolo